Orata
PDF Stampa E-mail



Nome comune: Orata
Nome scientifico: Sparus Auratus
Famiglia: Sparidi
Ordine: Perciformi
Classe: Osteitti
L’Orata ha il corpo ovale particolarmente alto e i fianchi compressi.Il dorso di questo pesce è convesso e termina con una curva pronunciata che scende a formare la testa massiccia. Gli occhi sono piccoli mentre la bocca è bassa e caratterizzata da labbra spesse e dal taglio dritto. La mascella sporge di poco sulla mandibola. La principale caratteristica sono i denti caniniformi ben visibili e presenti in numero da 4 a 6 ,dietro i quali ve ne sono altri, molariformi, disposti in quattro file.Grazie a questa dentatura l’orata riesce a nutrirsi anche di molluschi e gasteropodi dei quali apre senza fatica il duro guscio.Il colore di base dell’orata e' grigio con riflessi argentati i lati invece sono grigi. Presso la testa, dove ha inizio la linea laterale, il pesce presenta una grande macchia nera. Il nome di orata deriva dalla macchia dorata visibile tra gli occhi, mentre in prossimita degli opercoli vicino alle pinne pettorali c’è un’altra macchia di colore rosso la cui intensita' varia a secondo dello stato dell’animale.Raggiunge i 70 cm. di lunghezza per circa 7 Kg. di peso. La sua maestosità e potenza, (abbinata alla bontà delle sue carni) ne fanno uno dei pesci più combattivi e resistenti con cui possiamo avere a che fare. Pesce gregario da giovane diventa solitario da adulto frequentando ambienti arenacei misti a roccia. L’orata è principalmente carnivora,alimentandosi, grazie alle sue poderose mascelle di tutti i molluschi e gasteropodi che incontra sulla sua strada, sbriciolando , cozze, vongole, fasolari, cannolicchi, arselle e persino ostriche, murici, granchi e paguri.Il periodo migliore per insidiarla è l’inizio primavera fino ad Ottobre - Novembre dopodichè scompare dal sottocosta per aggregarsi sulle secche in alto mare in “Montoni” per il periodo riproduttivo.Per la sua cattura prediligeremo travi monoamo abbastanza lunghi armati con ami robusti a becco d’aquila.Le ore migliori per insidiarla sono quelle diurne, ottime quelle centrali con mare mosso o tendente al mosso.Per insidiare l’orata sarà bene utilizzare esche mirate come Bibi, Americano o paguri e granchi magari abbinati ad una succulenta arenicola e qualche volta con l'aggiunta di schiume pop up.