Surfcasting Online Forum


posizionamento lenza e mire .....

Un mondo misterioso

Moderatori: Adminsurf, BigMau, silversurfer, NonnoRito, gio.surf

posizionamento lenza e mire .....

Messaggioda matteosparus » 02/10/2015, 9:19

..... probabilmente la risposta c'è da qualche parte...... io non l'ho trovata!!

Vengo subito al dunque....
Ho un dubbio:
una volta che effettuiamo il lancio sia esso side ground o altro, qual'è la modalità esatta di lasciare la canna in pesca???
Mi spiego meglio, io quando lancio, sia che utilizzi un trancio di muggine come esca o che infilzi un verme di qualsivoglia genere, chiudo l'archetto ritiro, fino a sentire una certa trazione dovuta al tendersi della sagola, e posiziono la canna nel picchetto.... a questo punto il cimino della canna risulterà abbastanza piegato per la trazione che il piombo esercita, quindi con la mano porto, partendo dal mulinello, la lenza verso il cimino, in modo da raddrizzare la cima e lasciarla in posizione da creare una linea retta con tutta la canna.
Questo è giusto?
Oppure in base all'esca o a qualcos'altro, devo modificare il mio comportamento, che ripeto è sempre uguale in ogni circostanza.
Il mio pensiero va alla lenza che si trova in acqua e che se io la tengo in "tira" rimarrà forse un pò sollevata dal fondo creando una linea, piombo-cimino, "diciamo" dritta, se al contrario la lascio lasca, faccio in modo che stia bella sdraiata sul fondo magari con un assetto più mimetico per pesci guardinghi, come ad esempio l'orata.
in conclusione c'è un assetto predefinito o va cambiato in base a circostanze diverse??

Altro quesito:
di tutti gli argomenti che ho letto, quello sui settori mi è rimasto molto impresso e ritengo sia determinante ai fini di una pescata proficua. Detto questo.... se io conoscessi la conformazione del fondale che ho davanti e ad esempio sapessi della presenza di un canalone parallelo che corre per una trentina di metri per poi convogliarsi verso il largo, supponendo che tale canalone si trovasse ad un 70 metri dalla riva con una larghezza di 3/4 metri, chi sarebbe in grado di mandare l'esca proprio in quel punto???
Io sono certamente agli inizi, e certamente non riuscirei a farlo se non per pura fortuna, ma voi che siete più esperti riuscite a far ciò??
Vedete....faccio una similitudine forse un pò azzardata per farmi capire.....non sono uno scrittore :lol: :
Per chi conosce il calcio....su 10 punizioni da fuori area, Pirlo 8 le mette all'incrocio, mentre invece un Gattuso ad esempio forse, se ha fortuna, ne centra 2!! e sono convinto che ci può rimanere mesi a calciare punizioni ma credo che migliorie non se ne vedrebbero granchè!
ecco...... è la stessa cosa per i lanci?? oppure se uno si impegna alla fine riesce a mettere l'esca proprio là?
Io, non mi vergogno a dirlo, il 90% delle volte non vedo neache il piombo scendere in acqua pertanto non conosco la posizione della mia esca e della mia eventuale cattura......magari....

Spero di essere stato abbastanza chiaro e di aver inserito questo argomento nel posto giusto!!!
Saluti e buon mare a tutti :wink:
Avatar utente
matteosparus
Pescatore surfcasting
Pescatore surfcasting
 
Messaggi: 528
Iscritto il: 09/02/2015, 16:06

Re: posizionamento lenza e mire .....

Messaggioda clauser » 02/10/2015, 10:31

Veniamo al dunque: Quanta tensione lasciare sulla lenza dipende da molti fattori. Cominciamo col dire che questa è un tipo di pesca in cui a ferrare è il piombo. Partendo da questa considerazione e per semplicità, considerando un mare piatto e una canna con cimino sensibile lo faremo flettere di quel tanto per renderci conto quando sulla ferrata e nei successivi tentativi di fuga della preda la tensione è aumentata oppure è diminuita (spiombata) da come l'avevamo lasciata.
Se il cimino della canna è rigido questo accorgimento non si può attuare perché prima che si fletta il cimino trasciniamo via il piombo, ma si può rimediare con vari sistemi di avvisatori di ferrata lasciando solo una leggera tensione.
Altro discorso è il piombo a scorrere, lo tralascio perchè è un tipo di pesca che non ho mai attuato, forse perché la ritengo troppo trotaiola . . . :lol: :lol: :lol:

Il secondo quesito è sicuramente più impegnativo. Cominciamo col dire che dopo aver acquisito la necessaria esperienza (non è che ci voglia molto) uno sa dove manda il piombo con una ragionevole precisione, in considerazione poi che a pescare si và di principalmente di notte.
Però devi impegnarti un po' e studiare la morfologia delle spiagge per capirne il meccanismo, Fatto questo ti tenderai conto che quello che definisci canalone è il trogolo e procede sempre parallelo alla spiaggia a una distanza proporzionale alla profondità dell'acqua. Bene, dove inizia questo trogolo, visto che due spiagge uguali non esistono? Presto detto: inizia subito dopo le barre intertidali, cioè quelle barre che emergono con la bassa marea.

Canaloni: Sono perpendicolari alla spiaggia e svolgono il compito di far defluire in mare aperto l'acqua sospinta a riva dalle onde. Si riconoscono per la profondità accentuata che riduce o annulla la frangenza delle onde e spesso anche perché sulla riva terminano parecchi metri all'indietro della linea di riva generando una specie di piccolo golfo.
Giacchè ci sono e mancano ancora parecchi minuti prima di cominciare a spignattare (Di professione attualmente faccio il colf filippino) posso terminare dicendo che i pesci che arrivano dal largo facendosi trasportare dal moto ondoso entrano proprio in spiaggia dai canaloni e si mettono in caccia contro corrente viaggiando lungo il trogolo, poi magari escono al prossimo canalone per rientrare in uno successivo che ritengono più profiquo ecc.
.
Sergio

Immagine Immagine__________________
La differenza tra la genialità e la stupidità è che la genialità ha i suoi limiti.
Albert Einstein
Avatar utente
clauser
Surfcaster professionista
Surfcaster professionista
 
Messaggi: 6123
Iscritto il: 18/04/2010, 13:23
Località: Pordenone

Re: posizionamento lenza e mire .....

Messaggioda matteosparus » 02/10/2015, 15:59

Grazie Sergio, per la tua risposta celere,
ma il mio quesito non è rivolto a conoscere le differenze tra canalone o trogolo o finestra o altro, altrimenti avrei posto la domanda proprio nel post riguardante i settori :D
Il secondo punto è infatti orientato a conoscere e sapere se qualcuno riesce, sapendo che a 70 mt. c'è un trogolo e volendo pescare in quel punto, a spedire la propria esca in quel determinato settore!
Avatar utente
matteosparus
Pescatore surfcasting
Pescatore surfcasting
 
Messaggi: 528
Iscritto il: 09/02/2015, 16:06

Re: posizionamento lenza e mire .....

Messaggioda clauser » 02/10/2015, 17:15

Certo, anche quelli che viaggiano all'insegna del "ndò cojo cojo" prima o poi hanno la consapevolezza che lanciando in un certo modo e con una certa forza il piombo arriva lì dove avevano previsto.
Puoi accelerare questa esperienza andando a lanciare alla luce del sole in un prato per qualche ora, poi sei pronto anche per la spiaggia in notturna.
.
Sergio

Immagine Immagine__________________
La differenza tra la genialità e la stupidità è che la genialità ha i suoi limiti.
Albert Einstein
Avatar utente
clauser
Surfcaster professionista
Surfcaster professionista
 
Messaggi: 6123
Iscritto il: 18/04/2010, 13:23
Località: Pordenone

Re: posizionamento lenza e mire .....

Messaggioda lucas72 » 05/10/2015, 18:24

clauser ha scritto:Certo, anche quelli che viaggiano all'insegna del "ndò cojo cojo" prima o poi hanno la consapevolezza che lanciando in un certo modo e con una certa forza il piombo arriva lì dove avevano previsto.
Puoi accelerare questa esperienza andando a lanciare alla luce del sole in un prato per qualche ora, poi sei pronto anche per la spiaggia in notturna.


quoto al 100%...... vi vuole esperienza e allenamento nel lancio che spesso per motivi lavorativi manca.... ;)
il dubbio e' il primo passo verso la conoscenza
ImmagineImmagine
Avatar utente
lucas72
Pescatore surfcasting
Pescatore surfcasting
 
Messaggi: 782
Iscritto il: 06/04/2013, 14:31
Località: Taranto


Torna a Terminali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti