Surfcasting Online Forum • Leggi argomento - serra e terminali... argomento ampiamente trattato... ma...

Surfcasting Online Forum


serra e terminali... argomento ampiamente trattato... ma...

Un mondo misterioso

Moderatori: Adminsurf, silversurfer, NonnoRito, BigMau, gio.surf

Re: serra e terminali... argomento ampiamente trattato... ma

Messaggioda JoeTurbo » 12/08/2014, 17:24

* di attacchi andati a vuoto
Immagine

Marco
Dopo il tuffo sotto la superficie ogni legame col mondo terrestre svaniva, nella discesa, quei metri cambiavano la mia realtà, annullavano ogni mia presunta realtà, in quell'ambiente mi trovavo in serenità assoluta, mai sofferenza da solitudine, non mi mancava la presenza fisica e materiale di qualcuno o di qualcosa per risolvermi un problema, tutto era armonia e spirito


Niiiente pescee!..... Niente!
Avatar utente
JoeTurbo
Pescatore surfcasting
Pescatore surfcasting
 
Messaggi: 808
Iscritto il: 26/11/2012, 12:12
Località: Sardinia

Re: serra e terminali... argomento ampiamente trattato... ma

Messaggioda Riccardo1984 » 12/08/2014, 22:57

In questi giorni mi è capitato di vedere che per pescare i Tiger fish oltre alle ancorette direttamente attaccate al pesce esca usano anche 1-2 ancorette libere che rimangono fluttuanti....la maggior parte delle volte sono queste le ancorette che pungono il pesce sul muso ovviamente di fuori....
Etica a parte, è un sistema che potrebbe aiutare o peggiorerebbe le cose data la proverbiale capacità del serra di evitare gli ami?
"se il nostro amico Mare non ci regalasse anche queste lezioni di vita, ci impigriremmo e smetteremmo di studiarlo, di osservarlo e di amarlo, perché tutto sarebbe troppo facile e quindi monotono!"
Nonnorito

Immagine
Riccardo1984
Pescatore surfcasting
Pescatore surfcasting
 
Messaggi: 1228
Iscritto il: 17/11/2013, 23:58
Località: Parma

Re: serra e terminali... argomento ampiamente trattato... ma

Messaggioda Cassiopea_200 » 25/08/2014, 21:28

Cassiopea_200 ha scritto:Ciao a tutti.
Io uso un terminale di 150 cm totali (120 cm dello 0.30 e 30 cm di cavetti d'acciaio da 40 lb clippato), monto un amo del 3/0 all'estremità del cavetto con aggiunta di un amo scorrevole del 2/0.
Come esche utilizzo sia il cefalo che le seppie.

Iniziai ad utilizzare questa montatura dopo aver letto molti topic sui vari siti.
Ad esser onesto però non ho mai avuto riscontro dell'utilità dell'amo scorrevole in quanto i serra si sono sempre autoferrati sull'amo fisso. Da che cosa può dipendere? Dalla dimensione degli ami? Dal fatto che utilizzo un attacco basso senza flotter?
Qualcuno ha esperienza di serra ferrati sull'amore scorrevole?
Sinceramente, visti i risultati, sto pensando di passare all'utilizzo dell'amo singolo (3/0 o 4/0).

Un altro punto dolente. Spesso mi hanno ripulito l'esca nella zona tra i due ami lasciando solo dei rimasugli vicin dove invece avrebbero dovuto mangiare (con annessa somma delusione).
Qualcuno ha capito come far in modo che i serra non banchettino con le nostre esche senza rimanervi attaccati?
Forse la distanza tra gli ami? La loro misura?

Emanuele.


Ciao a tutti. Non ho resistito alla tentazione di provare il terminale con un singolo amo misura 5/0.
Ho constatato che, se non si fa un uso massiccio del filo elastico, l'esca tende a scivolare verso l'amo ( manca l'amo scorrevole su cui di solito si fissa il cappuccio). Come risultato ho ottenuto una esca ingessata ed una presentazione poco realistica perchè il filo elastico impediva al cappuccio di gonfiarsi ( di solito non inserisco materiale galleggiante all'interno ).
Ho esagerato col filo elastico o è quello che si ottiene con il terminale con singolo amo?

Allego anche una foto che mostra come era ridotto un totano innescato su un terminale con doppio amo (3/0 + 2/0 scorrevole). L'unica parte di esca non mangiata è quella intorno agli ami. Vi capita mai di recuperare le esche ridotte così senza accorgervi di nulla? Utilizzavo un attacco basso e piramide da 150 grammi.

Grazie.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Emanuele
Avatar utente
Cassiopea_200
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 13
Iscritto il: 23/07/2014, 20:56
Località: Livorno

Re: serra e terminali... argomento ampiamente trattato... ma

Messaggioda StefanoChiavaccini » 25/08/2014, 22:13

Cassiopea_200 ha scritto:Allego anche una foto che mostra come era ridotto un totano innescato su un terminale con doppio amo (3/0 + 2/0 scorrevole). L'unica parte di esca non mangiata è quella intorno agli ami. Vi capita mai di recuperare le esche ridotte così senza accorgervi di nulla? Utilizzavo un attacco basso e piramide da 150 grammi.

Se l'innesco non aveva materiale galleggiante all'interno forse sono stati i granchi ?
Stefano
Si diventa vecchi quando il numero dei ricordi supera quello dei sogni
Avatar utente
StefanoChiavaccini
Surfcaster
Surfcaster
 
Messaggi: 1538
Iscritto il: 20/02/2013, 14:53
Località: Collecchio (PR) - WE Ponsacco (PI) e Castiglioncello (LI)

Re: serra e terminali... argomento ampiamente trattato... ma

Messaggioda clauser » 25/08/2014, 22:22

Non mi risulta che il serra perda tempo a sbocconcellare, da come è ridotta quell'esca pare proprio un lavoretto da granchi, boghe, sugarelli o altra minutaglia che ovviamente non corrono il pericolo di ingoiare ami di quella stazza.
.
Sergio

Immagine Immagine__________________
La differenza tra la genialità e la stupidità è che la genialità ha i suoi limiti.
Albert Einstein
Avatar utente
clauser
Surfcaster professionista
Surfcaster professionista
 
Messaggi: 6227
Iscritto il: 18/04/2010, 13:23
Località: Pordenone

Re: serra e terminali... argomento ampiamente trattato... ma

Messaggioda Cassiopea_200 » 26/08/2014, 7:18

Minutaglia? Me li immagino mentre si chiamano a raccolta per mangiarmi l'esca.
"Ragazzi venite a mangiare il totano, paga Ema!" :evil:

Devo far scorta di materiale galleggiante...
Grazie.
Emanuele
Avatar utente
Cassiopea_200
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 13
Iscritto il: 23/07/2014, 20:56
Località: Livorno

Re: serra e terminali... argomento ampiamente trattato... ma

Messaggioda Lucio Amadasi » 26/08/2014, 9:50

L'attacco dei predatori (pesci s'intende) è espressamente concepito per una finalità:uccidere nel minor tempo possibile la preda.Velocità,colpo e morso concorrono in egual maniera non solo ad assicurarsi il pasto,ma anche evitare possibile concorrenza (competizione alimentare)ad opera di altri predatori.Nella fattispecie,quasi tutti gli attacchi sono rivolti dal basso verso l'alto semplicemente per incrementare la velocità e l'energia che consentono una maggiore efficacia di predazione.Ecco un motivo in più per aiutare il nostro "filetto"con all'interno un'anima galleggiante.Avremo così,da una parte un'eccellente mobilità dell'esca tale da invogliare il pesce all'assaggio ed un corretto posizionamento "dell'uncino"solidamente compattato nel corpo galleggiante,dall'altra il fluttuare del boccone staccato dal fondo quel tanto che basta per renderlo maggiormente aggredibile da parte dei serra o di altra specie.
Temo il giorno in cui la tecnologia andrà oltre la nostra umanità : il mondo sarà popolato allora da una generazione di idioti.

A.E.
Avatar utente
Lucio Amadasi
Pescatore surfcasting
Pescatore surfcasting
 
Messaggi: 812
Iscritto il: 26/08/2013, 14:25
Località: Parma

Re: serra e terminali... argomento ampiamente trattato... ma

Messaggioda StefanoChiavaccini » 03/09/2014, 10:56

clauser ha scritto:Non mi risulta che il serra perda tempo a sbocconcellare, da come è ridotta quell'esca pare proprio un lavoretto da granchi, boghe, sugarelli o altra minutaglia che ovviamente non corrono il pericolo di ingoiare ami di quella stazza.

Come sempre Sergio ci ha preso.
Guardate che occhiata è rimasta allamata ad un 3/0 dopo che, evidentemente,
con altre colleghe aveva fatto scempio del trancio flotterato !
Immagine
Intorno ai 300 grammi, non proprio minutaglia ma quasi.
Stefano
Si diventa vecchi quando il numero dei ricordi supera quello dei sogni
Avatar utente
StefanoChiavaccini
Surfcaster
Surfcaster
 
Messaggi: 1538
Iscritto il: 20/02/2013, 14:53
Località: Collecchio (PR) - WE Ponsacco (PI) e Castiglioncello (LI)

Re: serra e terminali... argomento ampiamente trattato... ma

Messaggioda mala » 03/09/2014, 18:18

Cassiopea_200 ha scritto:
Cassiopea_200 ha scritto:Ciao a tutti.
Io uso un terminale di 150 cm totali (120 cm dello 0.30 e 30 cm di cavetti d'acciaio da 40 lb clippato), monto un amo del 3/0 all'estremità del cavetto con aggiunta di un amo scorrevole del 2/0.
Come esche utilizzo sia il cefalo che le seppie.

Iniziai ad utilizzare questa montatura dopo aver letto molti topic sui vari siti.
Ad esser onesto però non ho mai avuto riscontro dell'utilità dell'amo scorrevole in quanto i serra si sono sempre autoferrati sull'amo fisso. Da che cosa può dipendere? Dalla dimensione degli ami? Dal fatto che utilizzo un attacco basso senza flotter?
Qualcuno ha esperienza di serra ferrati sull'amore scorrevole?
Sinceramente, visti i risultati, sto pensando di passare all'utilizzo dell'amo singolo (3/0 o 4/0).

Un altro punto dolente. Spesso mi hanno ripulito l'esca nella zona tra i due ami lasciando solo dei rimasugli vicin dove invece avrebbero dovuto mangiare (con annessa somma delusione).
Qualcuno ha capito come far in modo che i serra non banchettino con le nostre esche senza rimanervi attaccati?
Forse la distanza tra gli ami? La loro misura?

Emanuele.


Ciao a tutti. Non ho resistito alla tentazione di provare il terminale con un singolo amo misura 5/0.
Ho constatato che, se non si fa un uso massiccio del filo elastico, l'esca tende a scivolare verso l'amo ( manca l'amo scorrevole su cui di solito si fissa il cappuccio). Come risultato ho ottenuto una esca ingessata ed una presentazione poco realistica perchè il filo elastico impediva al cappuccio di gonfiarsi ( di solito non inserisco materiale galleggiante all'interno ).
Ho esagerato col filo elastico o è quello che si ottiene con il terminale con singolo amo?

Allego anche una foto che mostra come era ridotto un totano innescato su un terminale con doppio amo (3/0 + 2/0 scorrevole). L'unica parte di esca non mangiata è quella intorno agli ami. Vi capita mai di recuperare le esche ridotte così senza accorgervi di nulla? Utilizzavo un attacco basso e piramide da 150 grammi.

Grazie.

Cosa vuol dire un esca poco realistica??? cosa c'è di realistico in un trancio di pesce??? :roll: :roll:
ImmagineImmagineImmagineImmagine
Per migliorare la propria tecnica non è necessario cambiare la canna o il mulo ne altro.... basta andare a pescare....
ANDREA
Avatar utente
mala
Surfcaster
Surfcaster
 
Messaggi: 2228
Iscritto il: 20/11/2012, 12:37
Località: bologna

Re: serra e terminali... argomento ampiamente trattato... ma

Messaggioda Cassiopea_200 » 04/09/2014, 18:05

mala ha scritto:Cosa vuol dire un esca poco realistica??? cosa c'è di realistico in un trancio di pesce??? :roll: :roll:


Forse sono stato poco chiaro o non ho capito il tuo dubbio.
Anche io non trovo niente di realistico in un trancio di pesce.
Facevo riferimento all'utilizzo del totano intero su una montatura ad amo singolo.
Ritieni che, anche sia ridotto ad un salsicciotto, funzioni ugualmente visto che funziona il trancio di pesce?
Emanuele
Avatar utente
Cassiopea_200
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 13
Iscritto il: 23/07/2014, 20:56
Località: Livorno

Re: serra e terminali... argomento ampiamente trattato... ma

Messaggioda Marco Bolognesi » 04/09/2014, 19:14

Sui serra non lo so, sulla spigola te lo assicuro....
Trovi l'innesco sul mio report..... Venerdì 17
Di fronte al mare la felicità è un'idea semplice......
Avatar utente
Marco Bolognesi
Surfcaster
Surfcaster
 
Messaggi: 1588
Iscritto il: 08/05/2012, 14:21
Località: Marina di Cecina (LI)

Re: serra e terminali... argomento ampiamente trattato... ma

Messaggioda mala » 04/09/2014, 19:26

Cassiopea_200 ha scritto:
mala ha scritto:Cosa vuol dire un esca poco realistica??? cosa c'è di realistico in un trancio di pesce??? :roll: :roll:


Forse sono stato poco chiaro o non ho capito il tuo dubbio.
Anche io non trovo niente di realistico in un trancio di pesce.
Facevo riferimento all'utilizzo del totano intero su una montatura ad amo singolo.
Ritieni che, anche sia ridotto ad un salsicciotto, funzioni ugualmente visto che funziona il trancio di pesce?

Assolutamente si!! Il totano o il calamaro che sia, bisogna avvolgerlo con abbondante filo elastico, altrimenti l'innesco non tiene, trovo che sia più importante che l'esca sia odorosa, la forma conta relativamente!!
ImmagineImmagineImmagineImmagine
Per migliorare la propria tecnica non è necessario cambiare la canna o il mulo ne altro.... basta andare a pescare....
ANDREA
Avatar utente
mala
Surfcaster
Surfcaster
 
Messaggi: 2228
Iscritto il: 20/11/2012, 12:37
Località: bologna

Re: serra e terminali... argomento ampiamente trattato... ma

Messaggioda danilo1 » 10/09/2014, 18:14

Non ho mai avuto risultati con totani, clamari e moscardini (innescati con doppio amo e flotterati con schiuma pop up ).... ma con il trancio di muggine di circa 7 di lunghezza innescato su amo singolo 2/0 e flotterato con il polistirolo ho preso qualche serra.
Nella pesca con il vivo ho riscontrato che se uso l' amo singolo ho degli attacchi ma non resta mai allamato nulla, se utilizzo 2 ami ignorano il pesce esca.
Le montature che uso sono generalmente uno short alto con terminale in nylon fi 0.30 di 110 cm di lunghezza seguiti da 20 cm di cavetto TS senza crimpattura da 20lb ed amo flotterato del 2/0 se pesco con il trancio mentre se pesco con il vivo utilizzo il sistema della teleferica ma allungo il bracciolo fino a 150cm + 20cm di cavetto, i diametri restano gli stessi che uso nella pesca con il trancio.
Ciao.
Avatar utente
danilo1
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 5
Iscritto il: 27/07/2014, 19:48

Re: serra e terminali... argomento ampiamente trattato... ma

Messaggioda mala » 13/09/2014, 19:52

Io di solito preferisco innescare i cefalopodi a mare mosso, mentre preferisco il trancio a mare calmo, forse sono solo mie fisime :roll:
ImmagineImmagineImmagineImmagine
Per migliorare la propria tecnica non è necessario cambiare la canna o il mulo ne altro.... basta andare a pescare....
ANDREA
Avatar utente
mala
Surfcaster
Surfcaster
 
Messaggi: 2228
Iscritto il: 20/11/2012, 12:37
Località: bologna

Re: serra e terminali... argomento ampiamente trattato... ma

Messaggioda BUTTERO72 » 12/07/2015, 18:54

Filo in bobina del 40, trave con Ayala black power del 60, attacco alto,50-60 cm di nylon del 40,30-40 cm di cavetto da 30 lbs termosaldante doppiato per tutta la lunghezza collegato con girellina in acciaio, doppio Beak owner del 5/0.
Avatar utente
BUTTERO72
Pescatore
Pescatore
 
Messaggi: 219
Iscritto il: 22/06/2011, 16:10
Località: Grosseto

PrecedenteProssimo

Torna a Terminali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Privacy Policy Cookie
cron