Surfcasting Online Forum • Leggi argomento - La scelta del settore

Surfcasting Online Forum


La scelta del settore

Sezione dedicata agli aspetti propri della disciplina, quali lo studio delle spiagge, le correnti, la meteorologia

Moderatori: Adminsurf, silversurfer, NonnoRito, BigMau, bass

Re: La scelta del settore

Messaggioda BigMau » 13/10/2016, 19:14

Mr pit74 ha scritto:Con me porto sempre dei piombi a palla, tuttavia preferisco utilizzare le piramidi perché più che pescare con le esche spostate di 50-60m lateralmente, preferisco spostarmi io sulla spiaggia e avere il settore in posizione frontale. Spesso (almeno nel mio caso) vincere la corrente laterale si e rivelato indispensabile tanto quanto trovare il settore giusto

Pietro, quello che abbiamo scritto poco sopra non significa pescare con le esche spostate lateralmente di 50/60 metri.
Intendevamo lanciare un piombo sottodimensionato rispetto a quanto il mare richiederebbe e seguirlo nel suo tragitto di scarrocciamento fin dove si fermerà.
A quel punto le esche le avremo di fronte.
E' meglio un ottimo pescatore con una pessima canna in mano che un'ottima canna in mano ad un pessimo pescatore
_________________________________________________________________________
Meno masturbazioni mentali e più pesca!
_________________________________________________________________________
Avatar utente
BigMau
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 19285
Iscritto il: 18/02/2007, 1:00
Località: Lazio - Ostia (RM)

Re: La scelta del settore

Messaggioda Mr pit74 » 14/10/2016, 13:50

BigMau ha scritto:
Mr pit74 ha scritto:Con me porto sempre dei piombi a palla, tuttavia preferisco utilizzare le piramidi perché più che pescare con le esche spostate di 50-60m lateralmente, preferisco spostarmi io sulla spiaggia e avere il settore in posizione frontale. Spesso (almeno nel mio caso) vincere la corrente laterale si e rivelato indispensabile tanto quanto trovare il settore giusto

Pietro, quello che abbiamo scritto poco sopra non significa pescare con le esche spostate lateralmente di 50/60 metri.
Intendevamo lanciare un piombo sottodimensionato rispetto a quanto il mare richiederebbe e seguirlo nel suo tragitto di scarrocciamento fin dove si fermerà.
A quel punto le esche le avremo di fronte.


Scusa Maurizio, scusatemi tutti!!
Ho mal interpretato il discorso e infatti non riuscivo bene a capire a cosa servisse fare questa cosa. Ora è un po' più chiaro. Non ho capito se il piombo scarroccia con la frizione aperta a cedere filo o viceversa
Pietro
Avatar utente
Mr pit74
Pescatore
Pescatore
 
Messaggi: 198
Iscritto il: 28/04/2015, 12:23
Località: bologna

Re: La scelta del settore

Messaggioda BigMau » 15/10/2016, 17:35

No, si lancia, si imposta la canna sul picchetto con la frizione regolata in base al carico di rottura del nylon meno robusto dell'intera lenza e, se il piombo inizia a scarrocciare lo si segue dalla riva canna in mano.
Quando (e se) il piombo si fermerà, significherà che avrà trovato un punto in cui ci sarà fondo morbidissimo e/o l'azzeramento delle correnti. E là pescheremo........
E' meglio un ottimo pescatore con una pessima canna in mano che un'ottima canna in mano ad un pessimo pescatore
_________________________________________________________________________
Meno masturbazioni mentali e più pesca!
_________________________________________________________________________
Avatar utente
BigMau
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 19285
Iscritto il: 18/02/2007, 1:00
Località: Lazio - Ostia (RM)

Re: La scelta del settore

Messaggioda Mr pit74 » 18/10/2016, 13:26

Grazie Maurizio!! Ora mi è finalmente tutto chiaro :D
È un approccio a cui non avevo mai pensato prima. Lo vedo molto utile quando si arriva in spiaggia col buio e a vista non sono visibili i settori, o in corso di mareggiata quando non sono distinguibili
Pietro
Avatar utente
Mr pit74
Pescatore
Pescatore
 
Messaggi: 198
Iscritto il: 28/04/2015, 12:23
Località: bologna

Re: La scelta del settore

Messaggioda freshly dead » 07/11/2016, 12:17

finalmente ho usato le pallette, e mi si è aperto un mondo, sommerso..è stata una soddisfazione, una di quelle per cui continuiamo ad amare questa disciplina, grazie a tutti!
Avatar utente
freshly dead
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 12
Iscritto il: 04/10/2016, 10:12

Re: La scelta del settore

Messaggioda pierino » 07/11/2016, 18:42

:lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:

grande
non voglio due chili di pesce ... voglio un pesce da due chili
pierino
Avatar utente
pierino
Surfcaster avanzato
Surfcaster avanzato
 
Messaggi: 3915
Iscritto il: 18/02/2008, 1:00
Località: bari

Re: La scelta del settore

Messaggioda freshly dead » 07/11/2016, 22:12

lo sapevo che vi facevo sganasciare dalle risate :lol: :lol: :lol:
Avatar utente
freshly dead
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 12
Iscritto il: 04/10/2016, 10:12

Re: La scelta del settore

Messaggioda primusuck » 08/11/2016, 12:48

freshly dead ha scritto:lo sapevo che vi facevo sganasciare dalle risate :lol: :lol: :lol:


:lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:
avete mai visto saraghi da un chilo e mezzo? Ma se li pescano appena nati!
lasciate alla specie il tempo di riprodursi...una volta i denti dei saraghi erano grossi come quelli degli asini!

Arriva il freddo ed io ripongo le canne in cantina
Ma come, proprio adesso che si inizia a pescare seriamente?
Avatar utente
primusuck
Surfcaster professionista
Surfcaster professionista
 
Messaggi: 5988
Iscritto il: 26/01/2008, 1:00
Località: Maruggio (TA)

Re: La scelta del settore

Messaggioda freshly dead » 08/11/2016, 16:46

Spero che quello che aggiungo sia inerente al post, in caso contrario mi scuso..sono andato in pesca su una spiaggia esposta a est durante la coda di una mareggiata di grecale, ancora vento sui 15 nodi ma destinato a calare e mare ancora molto sostenuto. Spiaggia a media energia. Quello che si presentava partendo dalla sinistra all'inizio della spiaggia era un bel canalone con relativa ansa sulla spiaggia, seguito da una punta e corrispondente secca vistosa, poi proseguendo un settore rettilineo uleggermente rientrante nel primo tratto ma con frangenti a distanze diverse, più vicini sempre nel primo tratto. Il resto della spiaggia era un susseguirsi di onde continue dal largo fino a terra. Mi sarei messo di fronte al canalone perpendicolare a inizio spiaggia se fosse stato libero, ma era occupato da un paio di pescatori che ahimè mi sembra non fossero proprio in condizione di sfruttarlo. Opto quindi, anzichè cambiare spiaggia, nonostante la forte tentazione, per piazzarmi dopo la punta dove era visibile un trogolo credo, o una buca forse sarebbe meglio chiamarla, che si estendeva per un centinaio di metri prima di quella parte di spiaggia totalmente intasata dalle onde. Notavo della corrente sulla battigia di questo questo settore che andava verso destra, e in ogni caso il frangente era a portata di canna. Speravo comunque che presto si liberasse il primo tratto per spostarmi. Venendo all'azione apro la prima canna e per la prima volta sfodero invece delle piramidi una palla da 100 gr, la lancio nella buca a ridosso della secca ed eureka, inizia a rotolare verso destra, 50, 60 metri, poi si ferma..penso a questa discussione..piazzo il picchetto ed aggiungo il bracciolo corto e grosso, come l'esca d'altronde..l'altra canna la piazzo oltre il frangente ma ho bisogno di piombo per raggiungerlo e di esca clippata, palla da 150, che arrivata dietro l'onda di fronte al mio settore e alla destra delle onde che si creano sulla secca, arriva sul fondo e ho l'impressione che mi tiri verso fuori qualche metro ancora prima di fermarsi..rimango perplesso..i pescatori si spostano ma nel tempo che mi organizzo per spostarmi mi accorgo che il canalone non è più marcato come prima, un frangente praticamente continuo adesso si presenta su tutta la prima parte della spiaggia, sulla parte successiva un altro frangente continuo ma più esterno. Non me la sento di smontare per le ultime ore di pesca ed opto per il frangente esterno comunque raggiungibile forzando. Quello che vi chiedo è quanti e quali errori ci sono in questo approccio, considerando che ero fortemente indirizzato a cambiare spot subito, ma il compare di pesca ha fatto i capricci.
Avatar utente
freshly dead
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 12
Iscritto il: 04/10/2016, 10:12

Re: La scelta del settore

Messaggioda Giufa90 » 05/06/2017, 0:12

Ciao a tutti.
O mi é sfuggito o non ho trovato il "come sceglieremmo la postazione di pesca in una spiaggia ad alta energia"?
Oltre al metodo, sondiamo il fondo con il piombo, mettiamo caso che io arrivi in spiaggia e voglia posizionarmi in un posto fisso, ho un mare in scaduta ma comunque essendo una spiaggia ad alta energia vedo solo un unico frangente a riva. Dove mi metto?? Io suppongo che ad una punta corrisponda una secca e ad una rientranza tra 2 punte magari un canalone, ma sono troppo generico così. Spesso bene o male conoscendo i fondali ho fatto scelte corrette ma comunque vorrei se possibile conoscere i vostri pareri a riguardo, non pescherei mica sempre allo stesso posto :D
Giufa90
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 5
Iscritto il: 29/05/2017, 14:12
Località: Calabria da nord a sud!!

Re: La scelta del settore

Messaggioda clauser » 05/06/2017, 7:00

Ho seri dubbi che tu possa sondare il fondo col piombo in condisurf, su una spiaggia ad alta energia poi.

Le altre considerazioni sono corrette, quindi tienile per buone.

Se hai potuto riscontrare che bene o male hai fatto delle scelte corrette, cioè che hanno fruttato in termini di catture, tieni presenti questi spot, sicuramente finchè i fondali non verranno modificati da una mareggiata continueranno a dare frutti.
.
Sergio

Immagine Immagine__________________
La differenza tra la genialità e la stupidità è che la genialità ha i suoi limiti.
Albert Einstein
Avatar utente
clauser
Surfcaster professionista
Surfcaster professionista
 
Messaggi: 6201
Iscritto il: 18/04/2010, 13:23
Località: Pordenone

Re: La scelta del settore

Messaggioda pierino » 06/06/2017, 11:24

freshly dead ha scritto:Spero che quello che aggiungo sia inerente al post, in caso contrario mi scuso..sono andato in pesca su una spiaggia esposta a est durante la coda di una mareggiata di grecale, ancora vento sui 15 nodi ma destinato a calare e mare ancora molto sostenuto. Spiaggia a media energia. Quello che si presentava partendo dalla sinistra all'inizio della spiaggia era un bel canalone con relativa ansa sulla spiaggia, seguito da una punta e corrispondente secca vistosa, poi proseguendo un settore rettilineo uleggermente rientrante nel primo tratto ma con frangenti a distanze diverse, più vicini sempre nel primo tratto. Il resto della spiaggia era un susseguirsi di onde continue dal largo fino a terra. Mi sarei messo di fronte al canalone perpendicolare a inizio spiaggia se fosse stato libero, ma era occupato da un paio di pescatori che ahimè mi sembra non fossero proprio in condizione di sfruttarlo. Opto quindi, anzichè cambiare spiaggia, nonostante la forte tentazione, per piazzarmi dopo la punta dove era visibile un trogolo credo, o una buca forse sarebbe meglio chiamarla, che si estendeva per un centinaio di metri prima di quella parte di spiaggia totalmente intasata dalle onde. Notavo della corrente sulla battigia di questo questo settore che andava verso destra, e in ogni caso il frangente era a portata di canna. Speravo comunque che presto si liberasse il primo tratto per spostarmi. Venendo all'azione apro la prima canna e per la prima volta sfodero invece delle piramidi una palla da 100 gr, la lancio nella buca a ridosso della secca ed eureka, inizia a rotolare verso destra, 50, 60 metri, poi si ferma..penso a questa discussione..piazzo il picchetto ed aggiungo il bracciolo corto e grosso, come l'esca d'altronde..l'altra canna la piazzo oltre il frangente ma ho bisogno di piombo per raggiungerlo e di esca clippata, palla da 150, che arrivata dietro l'onda di fronte al mio settore e alla destra delle onde che si creano sulla secca, arriva sul fondo e ho l'impressione che mi tiri verso fuori qualche metro ancora prima di fermarsi..rimango perplesso..i pescatori si spostano ma nel tempo che mi organizzo per spostarmi mi accorgo che il canalone non è più marcato come prima, un frangente praticamente continuo adesso si presenta su tutta la prima parte della spiaggia, sulla parte successiva un altro frangente continuo ma più esterno. Non me la sento di smontare per le ultime ore di pesca ed opto per il frangente esterno comunque raggiungibile forzando. Quello che vi chiedo è quanti e quali errori ci sono in questo approccio, considerando che ero fortemente indirizzato a cambiare spot subito, ma il compare di pesca ha fatto i capricci.


Probabilmente hai fatto l'unica cosa che potevi fare, oltre che cambiare spot, per cui hai fatto bene se stavi correttamente in pesca.
e' chiaro che se hai avuto mangiate la scelta è stata perfetta, altrimenti no, ma quello può dipendere anche da altri fattori e non dalla scelta.........
non voglio due chili di pesce ... voglio un pesce da due chili
pierino
Avatar utente
pierino
Surfcaster avanzato
Surfcaster avanzato
 
Messaggi: 3915
Iscritto il: 18/02/2008, 1:00
Località: bari

Re: La scelta del settore

Messaggioda pierino » 06/06/2017, 11:28

Giufa90 ha scritto:Ciao a tutti.
O mi é sfuggito o non ho trovato il "come sceglieremmo la postazione di pesca in una spiaggia ad alta energia"?
Oltre al metodo, sondiamo il fondo con il piombo, mettiamo caso che io arrivi in spiaggia e voglia posizionarmi in un posto fisso, ho un mare in scaduta ma comunque essendo una spiaggia ad alta energia vedo solo un unico frangente a riva. Dove mi metto?? Io suppongo che ad una punta corrisponda una secca e ad una rientranza tra 2 punte magari un canalone, ma sono troppo generico così. Spesso bene o male conoscendo i fondali ho fatto scelte corrette ma comunque vorrei se possibile conoscere i vostri pareri a riguardo, non pescherei mica sempre allo stesso posto :D


Per questo tipo di spiaggia l'ideale sarebbe la perlustrazione del fondale con maschera durante l'estate, cercando di annotare mentalmente in acqua e poi magari da qualche parte dei riferimenti, in modo da avere un'idea di massima su dove piazzare i picchetti e quanto lontano cercare di arrivare.
Chiaramente non è sempre possibile, ma per gli spot vicini che ritieni di poter sfruttare d'inverno può essere molto utile, fermo restando che poi le mareggiate possono modificare alcune situazioni, ma almeno hai una base di partenza.
non voglio due chili di pesce ... voglio un pesce da due chili
pierino
Avatar utente
pierino
Surfcaster avanzato
Surfcaster avanzato
 
Messaggi: 3915
Iscritto il: 18/02/2008, 1:00
Località: bari

Re: La scelta del settore

Messaggioda Pietro209 » 09/03/2019, 18:25

eddy75 ha scritto:Per fare una sintesi: può andare come schema?

Immagine perfetta, complimenti.
Pietro209
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 20
Iscritto il: 13/02/2019, 22:07

Re:

Messaggioda Pietro209 » 11/03/2019, 10:39

ULTIMO ha scritto:non c'è niente da fare, più leggo i vostri post e più mi accorgo che per parecchio tempo non ci ho capito niente :( :( :( :( , siete dei veri guru in fatto di SC :twisted: :twisted: :twisted:

E tu insisti!
Pietro209
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 20
Iscritto il: 13/02/2019, 22:07

PrecedenteProssimo

Torna a SC: Filosofia - Aspetti - Strategie

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Privacy Policy Cookie
cron