Il palamito a vela
PDF Stampa E-mail

Il palamito a vela

 

Di semplice costruzione il palamito a vela rappresenta la piu' antica forma con la quale l'uomo tenta di prendere il largo e sopperire alla mancanza di un imbarcazione.
Utilizzabile sia da scogliere che da spiagge, ci viene incontro nelle condizioni "asettiche" della zona di pesca date dal vento alle spalle che allontana la mangianza da riva.


Il primo fondamentale accessorio è un avvolgi-tubo di quelli usati per irrigare,ricoperto da uno strato di un cm circa di sughero(vendibile a fogli) sia alla base che ai lati.
A questo fisseremo (dopo aver fatto passare attraverso tutte le nostre perline, considerando che ne useremo 4 per ogni amo) e poi attorciglieremo una lenza madre con un diametro pari a 0.70/0,80mm.tanto piu grosso quanto piu lungo sara' quest'ultimo.
Dopo aver serrato con alcuni giri di manovella per permettere ai primi 50 metri di filo di stendersi sul sughero,inizieremo a inserire delle girelle con moschettone fissandole con 2 perline da un lato e due dall'altro e bloccando le esterne con dei piombini spaccati.
A questo punto legheremo alle girelle degli spezzoni di nylon dello spessore di 0,30mm, lunghi un metro e mezzo,al quale legheremo gli ami, proporzionati alle prede che frequentano la zona.
Il tipo di pesca si effettua piombando o sollevando l'amo, con piombini spaccati nel primo caso o con pezzettini di sughero nel secondo,o alternando entrambi,per permetterci una pesca sia in superfice che a mezz'acqua.
Il secondo accessorio lo fisseremo ,dopo aver montato tutti gli ami e dopo averli fissati girando la manovella,al sughero posto sul lato del cilindro.
Si tratta di una vela spartana ma altrettanto funzionale.
Questa è composta da due pezzi di 100cm di canna di bambu' legati a croce e, nel punto di giuntura,da un albero maestro in orizzontale sempre di 100 cm che crea con uno di questi un triangolo che sara' la base dove legare un fazzoletto di cotone triangolare,che sara' la nostra vela latina e portera le nostre esche al largo.
Si consiglia l'uso di una lampada di segnalazione sulla vela se useremo il dispositivo durante le ore notturne.

Ivan Luigi Cazzato (www.surfcastingonline.net)