CHISTA BA' VOGGHIU CUNTARI
PDF Stampa E-mail

CHISTA BA’ VOGGHIU CUNTARI….
Questa ve la voglio raccontare…

 

 

 

 

 

Don Cicciu racconta….

Rito Oreste Marini


Ajeri, cà matina u ventu, ch’avia mpazzutu, calau na’ picca e minni scinnia a mari. Ciccava u’ Zu Ritu, ma iddu non c’era.

Ieri mattina, il vento che il giorno prima sembrava impazzito, si è ammansito un po e me ne sono andato al mare .Cercavo Rito, ma non c’era.

Avia valia di farimi nà bella piscata e mi avia puttatu a lenza di cuddeddha e firrazzolu c’ù llamu ddù conzu ddhù pisci spada c’avia jttatu mastru Turi, e nna maniata di bulluna ppù mari fotti: chiddi ppì travissini ddà firruvia, di un quattaruni e menzu, picchì u’ mari avia l’onda jauta, sinnò sa’ puttava, e dui sardazzi ccù sali.

Avevo desiderio di farmi una bella pescata e per questo mi ero avviato con lenze di “firrazzolu” con l’amo delle coffe del pescespada dismesse da mastru Turi ,una manciata di bulloni da surf, quelli delle traversine ferroviarie, da 300 grammi, per reggere bene l’onda alta, che altrimenti avrebbe fatto scarrocciare tutto il complesso pescante. Come esca due grosse alacce indurite con un po di sale.

Comu ti dicia, scinnia a mari e visti nù spittaculu ccà nun pozzu cuntari, tantu mi fici meravigghia. A ribba jera china ddì fraschi, ligna, jabberi munnati, gippi ì’ livara.

Appena giunto in spiaggia ,mi colpì uno spettacolo incredibile:
La riva era sommersa da sterpi, legname vario, rami spezzati, alberi sradicati e ripuliti, enormi radiche di ulivi,

mmossa ì plastica, bagghiola rutti e comu si tuttu chistu non bastassi, cacchidunu avia approfittatu ì ll’occasioni ppì scaricari cessi rutti, lavandini ntasati, tubbi ì scaricu e nu vecchiu cantaranu!

Residui di plastica, recipienti di varia natura rotti e come se tutto questo non bastasse, qualcuno aveva approfittato del caos naturale, per discaricare i residui di demolizione di un wc completo di mattonelle e vecchi mobili.

Mi cunfunnia ntò menzu a ddhu ‘nfennu e mi ntrusciarunu i budeddha ppù dispiaciri:
-“Comu, ddha beddha ribba ì centu pammi a llaggari cha nnun s’arricanusci cchiù…tutta china ì munnizza, spasciata dd’ù mari e di cristiani!”-

Provai panico in mezzo a quell’inferno e mi si contorcevano le viscere per il dispiacere:
-“Quella bellissima spiaggia, larga oltre 200 metri era diventata irriconoscibile, completamente devastata dalle flagellazioni del mare, veniva inesorabilmente, ulteriormente umiliata dalla terribile mano dell’uomo!-“

“Mabbicinai o’ mari e jera fotti appiddaveru, ma m’accuggia cchì sutta all’unna c’eranu ancora trunca rossi rossi, nzuppati e pisanti assai cha s’arruzzuliavanu di ccha e dall’àh.”

“Mi avvicinai al mare e mi accorsi che sotto l’onda c’erano grossi tronchi appesantiti dall’acqua che rotolavano pericolosamente da tutte le parti”.

“Mah, sintia chi ddhah-arredi c’era a spinula i deci chili, picchì mi struppiavanu i pedi e u jonnu prima mi firinava a schina…idda, arredu u troncu, mi stava pigghiannu pu’ culu picchi u’ sapia cchi cu ddhu mari non putia piscari….. Ma, non tinni incarricari…prima o poi t’afferru e ti fazzu rrustuta!”

“Me la sentivo: davanti a me ci doveva essere la spigola di dieci chili, perché mi facevano male i piedi, mentre il giorno prima avevo delle forti fitte alla schiena…lei, mi stava prendendo in giro e si nascondeva beffarda dietro il tronco consapevole della mia impotenza…in quelle condizioni non si poteva pescare! Ma, sappilo, prima o poi ti afferrerò e ti farò arrostita sulla brace”

Non potti piscari; minchia, u’ zu Ritu mi llavia dittu :-“Cchù stu mari je tutti sti sciumari cha scinnunu chini chini, è megghiu starisi intra”.
No vosi scutari, mi muttificai, jera assai dispiaciutu…u’ zu Ritu mi l’avia dittu….e i budeddha si intrusciarunu donna vota cchiù assai ancora.


Non era prorio il caso tentare di pescare…perbacco, Rito me l’aveva detto:
-“Con questo mare e questo tempo e con le otto fiumare in piena che stanno scaricando l’ira di Dio, è meglio starsene a casa”-
Non lo volli ascoltare ed ora mi sentivo mortificato e dispiaciuto…Rito me l’aveva detto…. E le budella si intrecciarono in un nuovo spasmo ancora più violento.

Minni scinnia vicinu all’unna, mi calai i quasuna, mi calai puru iò supa e’ ginocchia, e….. mi fici na bella cacata chà scumazza cà mi rinfriscava u’ culu…minchia….., mah scialai! Chi abbentu!

Scesi vicino all’onda, mi abbassai i pantaloni,mi abbassai rannicchiandomi sulle ginocchia
e…..mi rifiuto di tradurre….omissis…omissis…Che sollievo!

Un beddhu coppu i’ mari puliziau tutti’cosi, puttannusi ppù funnu tutta ddha robba.

Una bella ondata pulì tutto quanto trascinando tutti i “residui” verso il fondo.

E allura pinsai –“Vistu cha mi sentu megghiu e chi a’ sardazza è ingniscata nntà llamu ch’attaccu nu bellu bulloni ntò firrazzolu e jettu tuttu a mari… a ddhà ‘nto risucchiu…

E fu in quel preciso istante che pensai-“Considerato che mi sento più a mio agio,che l’alaccia è stata magistralmente innescata, lego alla cordina un bel bullone e mollo tutto, proprio là dietro la grande onda.

Scudduriai ddù suuru tuttu u firrazzolu supa a rina. Fici nà buca e suttirai u suuru facennu un muntarozzu i rina.

Sciolsi tutta la cordella dal sughero che sotterrai profondamente sotto la sabbia,

Pigghiai u’ ghiaccu du’ firrazzolu,ù firriai du voti ntà llaria…e quanno scuminciai u tezzu giru…-“Nel nomeDiddio, Gesù,a Madonnuzza e u’ Signuri ca tà accumpagnanu!”- muddhai vessu ù celu tuttu quantu ccu ttutti i me’ fozzi

Presi il cappio in in mano e girai con forza il bullone in aria per due volte con un drop da un metro e mezzo, compiendo due ampi cerchi e, allorquando iniziai il terzo giro…-“ Nel nome di Dio,Gesù,la Madonnuzza ed il Signore…”- mollai con tutta la mia forza verso il cielo.

U’ bulloni si pusau supa all’unna;a sardazza arredu.Appoi sinni calarunu ppù funnu, nto palogiu.

Il bullone si posò proprio sopra la grande onda, l’esca poco dietro, quindi affondò tutto, nella trottola.

Tirai na picca u’ firrazzolu, lassannulu moddhu e mi misi a spittari ca’ santa pacienzia.

Misi leggermente in tiro la lenza, quindi mi posi in paziente attesa.

Ma mentri spiava u’ celu ‘ntonnu , nà saguma cà canusciva si stava avvicinannu: jera u’ zù Ritu!
Minchia e auora ca ci dicu? Voi abbidiri ca auora s’affenni? M’hati a cridiri, i budeddha, si stavano ntrusciannu donna vota…..

Ma mentre mi guardavo intorno, notai una sagoma a me ben nota…:Rito! Perbacco ,ed adesso cosa gli racconto? Vuoi vedere che si è offeso? Ero in serio imbarazzo tanto che le budella cominciavano a contorcersi….

Ma u’ zù Rito j è sempi ù zù Rito e mentri s’avvicinava mi sparau un surrisu chinu di denti lucenti comu nà stiddha ( chiddi ch’avia) e mi dissi:-”Don Cicciu, curnutazzu, u’ sapia ca’ non putiavu risistiri…”-

Ma Rito è sempre Rito e mentre s’avvicinava, mi sparò uno splendido sorriso pieno di denti lucenti (quelli che aveva)-“Don Cicciu, curnutazzu, lo immaginavo che non avresti resistito”-

Doppu tali frasi, u firrazzolu moddhu, supa d’à rina s’intisau…
-“Fossi è l’unna cà su tira”- Pinsai.
-“Don Cicciu, vidi ca’ sta manciannu…”- mi dissi zù Rito.
-“Staju vidennu, staju vidennu”-…
Quannu ù firrazzolu scuminciau a caminari sulu, vessu fora e di latu, allungai ù brazzu rittu vessu ù mari girannu vessu à manca e…sintia tirari di latu e contru currenti. Niscia ù suuru di sutta à rina e scuminciai a caminari ppì unni iddhu tirava, ricugghiennu ghianu ghianu, finu a quannu non sintia tirari comu nà paccia…..e allura –“ Nel nome di Dio”- scarricai cù tutta a me fozza e scuminciai a ricupirari prima ghianu, poi cchiù fotti, sinu a quannu nà bella unna jauta du metri, si jazzau dù funnu..tirai cchiù viloci chi potti, e jutatu dd’a fozza ddù mari niscia a menzu a scumazza ca s’arritirava, na bella spinula di setti rotuli.

Non appena finì di parlare, la cordina in bando sulla sabbia fu risucchiata dal mare, mettendosi in tiro.
-“Forse è l’onda che tira”-pensai.
-“Don Cicciu ,vedi che sta mangiando”- mi disse Rito.
-“Me ne sono accorto, me ne sono accorto….!
Quando la cordina cominciò a camminare da sola, verso il largo e di lato , allungai il braccio destro verso il mare, girandomi verso sinistra e…la sentii tirare folle di rabbia…ferrai con tutte le mie forze e..-“Nel nome di Dio”- urlai cominciando a recuperare…ma non venne, si ancorava nel grande gradino di risacca, tirando da un lato, contro corrente. Uscii il sughero da sotto la sabbia e cominciai a camminare nello stesso verso del pesce, tentando di recuperare, piano piano, con bracciate calibrate fino a quando una bella onda alta due metri, sollevò dal fondo pesce ed apparato pescante…ritirai ancora più velocemente, aiutato dalla furia del mare e…..in mezzo alla schiuma guizzò stancamente una bella spigola di oltre 5 chili!

U’ zù Rito cà mutu mutu s’avia vaddatu tutta à scena, quannu a puttai ‘nterra e a’ pigghiai cchi mani, mi dissi:-“Brau, Don Cicciu…ppi stà vota mi futtisti….ma ampressu vota….”- e sbintuliau un ghiritu ntà llaria…..
Chi cci pozzu fari…jò ci vogghiu beni ò zù Rito…picchì jè fattu accussì…iddhu no sapi picchì jò firrai a spinula…..je mai je poi mai poti pinsari c’à spinula à pigghiai picchì s’avia camiatu cà medda!

Rito aveva osservato in silenzio tutta la scena della cattura e quando la portai a riva e la presi tra le mani esclamò:-“Bravo don Cicciu, anche questa volta mi hai fregato, ma la prossima….”-
Voglio bene a Rito, perché è fatto proprio così….non ha malizia…non sa che quella spigola l’ho catturata pasturandola con…la cacca!

-“Zù Rito, sta spinula jè Vostra…!”-
-“Grazii Don Cicciu, vah meritastu”-

-“Zù Rito pigghiatibbilla cù tuttu ù cori e bbah manciati a mè saluti c’un bicchieri i vinu i S.Lucia…chiddhu cà pari sciampagna…
-“Grazii Don Cicciu, ma jò nzistu picchì stà spinula bbi llaviti a manciari Vui e un ciascu i vinu i S.Lucia bbù rialu jò…..tantu ù sacciu cà pigghiastu cù culu….
A stu puntu non ci capia cchiù na minchia…je non ci seppi cchiù rispunniri….Voi abbidiri cà u’ zu Rito sinni accuggiu i tutti ì cosi?

-“Rito, questa spigola è vostra”-
-“Grazie Don Cicciu ve la siete meritata!”-
-“Rito, prendetevela,ve la regalo con tutto il cuore, ve la dovede mangiare Voi, in compagnia di un buon fiasco di vino di S,Lucia quello che sembra champagne…
-“Grazie Don Ciccio. Ma io insisto perché questa spigola la mangiate Voi e…un fiasco di vino di S.Lucia,profumato e frizzante, ve lo regalo io….tanto, lo so che la avete catturata col culo….!
A questo punto non ci ho più capito una mazza…mi sono imbarazzato e non seppi più continuare il dialogo….Vuoi vedere che Rito si è accorto di tutto?

1554 Modifica Elimina 104 22 "Canna Shimano Nexave 1336"

a cura di Francesco "Platamona" De Martis

 

Una Rip da mare calmo. Tale è la Shimano Nexave 1336.

Le prime due cifre della sigla -13- indicano la lunghezza espressa in piedi (3,96 m. ), mentre le seconde due -36- il range di peso lanciabile, ovvero 3/6 once.(1 oncia = 28,345 g.).

Questa canna è un bell'attrezzo, la cui gestione non necessita di lanci supertecnici per caricarla a dovere, ma è sufficiente un buon side angolato per consentire alla canna di esprimersi con veemenza.

Ottima per apprendere le basi del ground, fornisce le migliori performances con zavorre da 150 g.

Alla prova con tale piombo ho sfiorato i 150 metri. Purtroppo soffre parecchio le onde e già un mare forza quattro la mette in crisi.

Spiomba con una facilità esasperante, nonostante la cima morbida.

Pertanto non è adatta al Surf con la "S" maiuscola.

Per contro, grazie alle distanze importanti che consente di raggiungere, ovviamente con buona tecnica, è perfetta per la Paf a lunga distanza.

E' anche indicata per la pesca col vivo a teleferica e per il Rock Fishing.

La canna si compone di due sezioni simmetriche e viene venduta con anellatura ibrida composta di 9 anelli, di cui uno sul pedone, che la rendono idonea all'uso sia con mulinellio fisso sia rotante.

Il montaggio è in spina per il fisso, quindi un pò più rigida rispetto all'utilizzo del rotante, che lavora controspina.

Il manico è sottile, circa 22 mm e leggermente cedevole.

La cima è morbida. La serie AX veniva montata con gli Shimano Sic, mentre la BX è venduta con i più economici Hardloy, che comunque vanno alla grande e non arrugginiscono.

Volendo, si può optare per la serie 130, che viene venduta con anellature differenziate, per fisso o per rotante. Il costo dell'attrezzo è proporzionato alla qualità, circa 140 euro, mentre usata la si trova anche a 70/80 euro.

Ultimo aggiornamento ( Sabato 07 Agosto 2010 11:25 )